La città visibile

CittàVisibileLA CITTA' VISIBILE - UNA CITTA' PER CAMBIARE
Sabato 18 novembre alle ore 21 presso il Teatro Studio "Mila Pieralli (Via Donizetti 58-Scandicci) si terrà in prima nazionale la Conferenza-Spettacolo sulla città di domani.

Il progetto La Città visibile, realizzato in collaborazione tra il Comune di Scandicci e l'Accademia dell'Uomo del Teatro della Toscana, si inserisce nell'ambito delle iniziative che l'Amministrazione sta programmando propedeuticamente all'aggiornamento del Piano Strutturale e all'elaborazione del Piano Operativo, i nuovi strumenti che sostituiranno integralmente il Regolamento Urbanistico.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili

CittàVisibileLA CITTA' VISIBILE - UNA CITTA' PER CAMBIARE
Sabato 18 novembre alle ore 21 presso il Teatro Studio "Mila Pieralli (Via Donizetti 58-Scandicci) si terrà in prima nazionale la Conferenza-Spettacolo sulla città di domani.

Una Scandicci per cambiare.
5 gruppi di 20 persone ciascuno che, attraverso un percorso di 10 incontri, sviluppano desideri e utopie, fino a descrivere (quasi a disegnare) un nuovo ideale di città.

Il futuro di una città si traccia attraverso processi di confronto e valutazione non solo tecnici ma anche culturali. Su tali processi è importante generare un dibattito fatto di proposte, idee, valori che provengono da chi il territorio lo vive ogni giorno con le proprie esigenze ed esperienze.

Il progetto La Città visibile, realizzato in collaborazione tra il Comune di Scandicci e l'Accademia dell'Uomo del Teatro della Toscana, si inserisce nell'ambito delle iniziative che l'Amministrazione sta programmando propedeuticamente all'aggiornamento del Piano Strutturale e all'elaborazione del Piano Operativo, i nuovi strumenti che sostituiranno integralmente il Regolamento Urbanistico.

Grazie all'approccio multidisciplinare di facilitatori e trainer, attraverso l'utilizzo di video, immagini, confronti filosofici ed estetici ed attraverso la mimica del corpo dedotta dal metodo di Orazio Costa, 100 cittadini sono stati chiamati a immaginare un ideale di città, prendendo spunto dai seguenti temi:

IL VERDE E LA CITTÀ
Parchi urbani (ex Cnr, Acciaiolo), aree verdi, colline
(70% del territorio scandiccese)
IL CENTRO E LA PERIFERIA
Rapporti, ricuciture, collegamenti, funzioni, servizi
LA MOBILITÀ
Dal tram, ai mezzi ecologici e condivisi, alla attuale circolazione, al parcheggio scambiatore
LA FORMAZIONE / LAVORO
Scuole, specializzazioni, imprese, incontro domanda / offerta, collegamenti e reputazione
L'ACCESSIBILITÀ
Dalla questione delle barriere architettoniche, a quella di una comunicazione accessibile

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili